"La CICOGNA"
"La  CICOGNA"                       

Il Tapulon

 

Sebbene molti considerino lo considerino un piatto tipicamente novarese, Il Tapulon è invece il piatto principe della gastronomia borgomanerese. E all’origine della ricetta c’è una leggenda, come sempre legata alla vita di un tempo che fu.

 

Secondo la versione più nota di una leggenda, tramandata da molti cultori di storia e tradizioni locali, sembra che, nel XII secolo, un gruppo di tredici rozze persone, chiamati  i tredici Orchi, al ritorno da un pellegrinaggio all'isola di San Giulio sul lago d'Orta, si fossero fermati per ristorarsi in una piacevole e ridente località, sulla quale sarebbe poi sorta la città di Borgomanerosi accorsero di aver dimenticato di riempire le bisacce delle opportune provviste per il viaggio e tormentati dai morsi della   fame, non rimase loro che sacrificare il povero asino, che usavano per trasportare i loro scarsi beni.. La carne del vecchio animale però, indurita da anni di lavoro, si rivelò sorprendentemente coriacea per cui dovettero dapprima tritarla con il coltello e poi lasciarla a lungo sul fuoco per renderla più tenera. Il primo esempio di Tapulone piacque talmente agli “Orchi” che essi decisero non solo di farne tesoro, ma anche di fermarsi per sempre in quel fortunato luogo, convinti di essere stati miracolati da San Giulio.

 

E’ una leggenda ,ma le leggende hanno sempre un principio di verità e un esito poetico. Quindi non si discutono: si ammirano, si rispettano,e come in questo caso, si mangiano.

Il termine "Tapulòn" deriva dal fatto che le carni del passato essendo dure (causa di ciò il lavoro delle bestie nei campi) erano da "tapulà" cioè da triturare con coltello e "taplon" era l'asse di legno su cui venivano sminuzzate le carni.

La ricetta, sotto riportata, forse non è la ricetta originale e neppure quella classica, ma quella della bisnonna che si è tramandata nella famiglia. Si chiede pertanto venia alla “Confraternita del Tapulon”

Ingredienti per 6 persone

  • 800 gr. di carne d'Asino (o di Manzo)
  • 3 cipolle bianche finemente sminuzzate
  • 50 gr. di Burro
  • 50 gr. di lardo pestato
  • 3 foglie di alloro
  • 200 ml di Vino Rosso delle Colline Novaresi
  • 1 rametto di Rosmarino
  • Brodo
  • Sale e Pepe

In una casseruola si fa rosolare la cipolla e il lardo ben pestato. Aggiungiamo il rosmarino e l'alloro.
A questo punto aggiungiamo la carne macinata (meglio sarebbe battuta al coltello) insaporita con sale e pepe, mescoliamo più volte e lasciamo cuocere per alcuni minuti.
Mescoliamo bene  e versiamo il vino rosso, un mestolo di brodo  e copriamo con il coperchio,  cuocendo adagio per circa un'ora un ora e mezza, e aggiungendo se necessario, un po’ di brodo e un un cucchiaio di vino

Il piatto non deve essere né troppo asciutto né troppo “brodoso”
Il Tapulon va servito ben caldo con polenta,meglio se fatta al momento.

 

www.turismonovara.it

Siamo anche su Faceboock

 "www.facebook.com/La.Cicogna.Terdobbiate"

Lunedì  

         dalle 12.00  alle 14.00

Martedì a venerdì  

       dalle 12.00 alle 14.00

    dalle 19.30 alle 23.00

Sabato

       dalle 19.30 alle 23.30

Domenica

       dalle 12.00 alle 16.00

e     dalle 19.30 alle 23.30

 

Gradite le prenotazioni.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© La Cicogna Via Emilio Lavizzari 18 28100 Novara Partita IVA: